Sultanahmet

In poche parole è la parte più turistica della città: Sultanahmet. Un dovere morale visitarla, ma anche un vero piacere per gli occhi; Istanbul ha consegnato alla storia dei gioielli destinati a stupire milioni di viaggiatori nei secoli dei secoli. Hagia SophiaSultan Ahmed Mosque, la Basilica Cisterna e il palazzo Topkapi (in particolare l’ Harem, stupefacente, che comporta un sovrapprezzo ma vale assolutamente la pena vedere dato che è la vera perla del complesso) sono irrinunciabili durante un primo tour a Istanbul. Qui il culmine dell’impero ottomano e il culmine dell’impero romano d’oriente si incontrano e si fondono in maniera mirabile.

Oltre il ponte di Galata, comincia il brulicare dei mercanti e superando il bazaar delle spezie (di cui rimane poco dell’esoticità di un tempo), il caos di venditori di ogni genere e la folla di persone lungo le vie è una esperienza che non può essere evitata. Il grande bazaar coperto che si raggiunge oltrepassando la cima della seconda collina è incredibile per la sua vastità. 

Il bazar delle Spezie

Due chicche imperdibili sono il panino con l’aringa e il tursu suyu, sprezzante drink a base di sottaceti solo per stomaci forti al molo di Eminönü. Molto interessante il bazaar dedicato ai libri, il sahaflar carsisi.

sahaflar carsisi

Venite qua se…: volete vedere la parte istituzionale della città e osservare con i vostri occhi la storia millenaria di Istanbul.

Come si arriva: Si può giungere dal mare con i traghetti con destinazione Eminönü. Il ponte di Galata congiunge le due parti principali della parte europa e il tram T1 è il mezzo pubblico più usato perchè connette tutte le principali attrazioni. 

Per scoprire gli altri quartieri di Istanbul, torna all’itinerario cliccando qui, dove troverai tante informazioni pratiche per visitare questa metropoli dalle cento anime.