Binondo – La chinatown più vecchia del mondo

Tempo richiesto: 1 giorno

Benvenuti nell’angolo più folle di Manila dove si concentrano le maggiori stravaganze di questa città. La storia di Binondo è di quelle da annali: è stata la prima chinatown del mondo fondata nel 1594 dagli spagnoli che volevano tenere sott’occhio gli immigrati cinesi convertiti al cattolicesimo che sposavano indigene filippine (i cosidetti cinesi mestizos).

In realtà i cinesi abitavano quest’area fin dal IX secolo. Dal XVIII secolo fino allo scoppio della guerra mondiale Binondo è stato il principale centro economico e finanziario di Manila, poi il collasso e lo spostamento dell’asset finanziario a Makati.
Oggi tutto è cambiato: se la chinatown vera e propria ha ancora il suo fascino industrioso e folkloristico in pieno stile cinese, le vie attorno (poco oltre le celeberrime Rizal Avenue e Escolta Street, un tempo sedi di teatri e banche) sono un pazzesco e caotico mercato in cui si vende tutto quello che è umanamente concepibile. Spostandosi un pò più a est, verso Quiapo, il mercato diventa preda di venditori di oggettistica religiosa e fattucchiere probabilmente anche grazie al fatto che qui si trova la famosa cattedrale del Nazzareno Nero, la basilica di San Giovanni Battista

Più a nord la città continua in maniera ancor più disordinata tra mercati, baraccopoli e quartieri più o meno degradati. L’accoglienza dei bimbi del Barangay 262 è quella che ci ha fatto commuovere per la prima volta nel nostro Grande Viaggio: in queste zone i filippini vivono la strada come da nessun’altra parte a Manila, come una vera e propria casa.

Il mercato nei pressi della fermata Blumentritt è un altro delirio questa volta di carni e verdure: wet market al coperto e all’aperto si succedono su una estensione di centinaia di metri quadrati. Spostandoci ancora più a nord il cimitero cinese e il cimitero nord sono una delle cose più surreali che ci è capitato di vedere in vita nostra: se il primo con le sue villette lussuose fa specie, il secondo è ancora più inquietante perchè realmente abitato da cittadini abusivi. 

Non perdete l’occasione per sgranocchiare qualcosa da queste parti: Binondo è famosa sia per le sue tea house sia per i suoi ristoranti di cibo cinese-filippino: noi consigliamo Lan Zhou La Mien. Vicino ai due cimiteri, nel quartiere La Loma, potete invece provare il famoso Lechon, in uno dei tanti chioschetti o ristoranti che lo prepararano.

Travel Slow Score:

Genuinità ✪✪✪✪ 
Storia ✪✪✪✪✪
Sapore ✪✪✪
Fattore I(nstagram) ✪✪✪✪✪
Fattore S(orpresa) ✪✪✪✪

Come arrivare:

Oltre a taxi e Jeepney, potete sfruttare la LRT1 alla fermate Carriedo, Doroteo Josè e Blumentritt.

Vieni qui se:

Vuoi vedere con i tuoi occhi la follia di Manila e se sei un amante dei ruvidi mercati del sud-est asiatico.


Per tornare al portale Manila clicca qui!

Oppure prosegui la tua passeggiata visitando Malate, cliccando qui.